Liber

Marianna De Pilla

Lucrezia Scali e Viviana Leo: casi editoriali per la CE Newton Compton

Lucrezia Scali e Viviana Leo: casi editoriali per la CE Newton Compton

Per il secondo appuntamento di LIBER ho scelto per voi un servizio doppio. Si perché loro, le mie autrici, esattamente come nel tennis, giocano questa partita nella stessa squadra. Lucrezia Scali e Viviana Leo sono figlie del selfpublishing, adottate oggi amorevolmente da Newton Compton Editori, che ne ha acquistato i diritti e confezionato due splendide trame dall’atmosfera sognante ed emozionante.

Lettrici da sempre, fermamente convinte che i libri e gli animali siano uno dei più bei doni che la vita possa donarci, Lucrezia e Viviana, ne fanno di questa consapevolezza l’imput per realizzare due romanzi eccezionali. E da Torino fino al Salento hanno sfornato per noi dei gioielli.

Te lo dico sottovoce di Lucrezia Scali uscito in tutti gli stores il 4 gennaio, per mesi in vetta alle classifiche del web, è ormai il caso editoriale dell’anno, sempre stabile nei primi posti delle vendite, affianco a nomi come Isabel Allende, Luis Sepulveda, Fabio Volo e Paula Hawkins. Il perché è semplice: la storia di Mia conquista tutti. Mia ha un passato che vorrebbe non ricordare e una famiglia da tenere alla larga. Vive nella casa lasciatagli dai suoi adorati nonni insieme a Bubu, un simpatico meticcio dalle orecchie lunghe e dal rosso pelo morbido. Ha trent’anni e dirige una clinica veterinaria a Torino. Gli animali sono infatti la sua passione, ed è per questo che realizza l’idea della pet teraphy. Nella sua vita frenetica pare non ci sia più posto per l’amore, ma la notte accade che…il principe azzurro la venga a trovare. Al suo risveglio, ritrova però solo un cane affamato e giocherellone, e l’amore romantico svanisce in un soffio. Tuttavia, quel burlone di Cupido mette sulla sua strada Diego e Alberto. Riuscirà Cupido a scagliare la freccia giusta per Mia? Lo scoprirete solo leggendo…

“Sei solo mio” di Viviana Leo, uscito da poco più di un mese in tutti gli store, apprezzatissimo già molto in versione self, sta allargando la cerchia dei consensi per la sua storia semplice, romantica e passionale. Lisa e Dante sono cresciuti insieme; lui, pugile dilettante, è il migliore amico del fratello e ha sempre frequentato casa loro. Lisa, giovane studentessa universitaria e volontaria in un canile, ha un gran segreto: è da sempre innamorata di Dante, ma non ha mai avuto il coraggio di confessarlo. La vita, però alle volte fa dei giri strani, e ti mette di fronte ad un bivio, costringendoti a decidere. Riuscirà Lisa a conquistare Dante? E Dante, così chiuso di fronte all’amore, sarà disposto ad aprire il suo cuore a Lisa?

Per saperne di più eccovi la mia intervista alle autrici.

 

Da dove nasce l’idea di questo romanzo.

LUCREZIA: L’idea nasce per caso e in un momento particolare della mia vita. Mi sono ritrovata ad avere più tempo da dedicare alle mie passioni e Bubu, il mio cane, è stato l’imput per questa storia.

VIVIANA: L’idea nasce dal voler raccontare l’amore, principalmente, in tutte le sue forme. Le amicizie strette che sfociano nell’ amore mi hanno sempre affascinata, da qui la creazione di Lisa e Dante.

 

Dal selfpublishing a Newton Compton Editori. Una scelta azzardata o un bel passo in avanti?

LUCREZIA: Non cambierei di una sola virgola il mio percorso. Anche se l’autopubblicazione poteva essere una scelta azzardata, almeno è questo il pensiero di molti, sono contenta così perchè mi ha portato a firmare con una grande casa editrice come la Newton Compton.

VIVIANA: Dal mio punto di vista entrambi. Arrivare al grande pubblico è una cosa che fa sempre molta paura, ma eccita allo stesso tempo. La reputo una bellissima possibilità e per ora ne sono contenta.

 

L’amore che descrivi nel romanzo com’è…e di cosa è capace?

LUCREZIA: È un amore a 360 gradi, che abbraccia ogni aspetto della vita e ogni tipo di persona. Non si ferma al legame tra uomo e donna ma si spinge oltre, fino ad arrivare all’amore per la vita stessa, l’amore per gli animali, per le proprie passioni e a trovare la forza per superare le avversità. Sarà un amore capace di fare grandi cose partendo da quelle piccole.

VIVIANA: Intenso e passionale, è capace di tacere per anni pur di non perdere la persona amata (e anche la faccia Emoticon grin ). Ma è anche capace di far nascere una forza interiore inaspettata.

 

I cani, questi esseri fedeli e tanto teneri, sono fra i protagonisti del libro. Come e perché.

LUCREZIA: Troviamo i cani sia perché Mia è una veterinaria, sia perché svolge l’attività di pet therapy. Ho voluto dare un ruolo importante agli animali per trasmettere quello in cui credo, e per sensibilizzare più persone sull’argomento.

VIVIANA: Nel mio libro si parla di canili e adozioni. Perché ho un cane che amo alla follia, perché li adoro e non potrei vivere senza. Probabilmente chi non ha mai avuto un cane non comprende quanto amore trasmettono e di cosa sono capaci. Volevo che arrivasse questo messaggio.

 

Scrivere e leggere due facce della stessa medaglia. Dove e quando preferisci farlo?

LUCREZIA: Io potrei passare 24 ore solo a leggere e scrivere, non ne ho mai abbastanza. In realtà leggo la sera o nei ritagli di tempo, e scrivo soprattutto la mattina o quando sono sola a casa.

VIVIANA: Ovunque e sempre! Non c’è un momento della giornata in cui stabilisco quando leggere o quando scrivere, lo faccio appena posso. Sono due passioni che coltivo da sempre, non potrei mai farne a meno.

 

Il personaggio maschile principale che descrivi nella tua storia, ha sofferto ed è diffidente, ha bisogno di essere incoraggiato. Gli uomini sono davvero così fragili, ed è così che li vogliamo?

LUCREZIA: Secondo me gli uomini troppo forti si nascondono dietro una corazza. Io amo gli uomini veri, quelli che non sono costruiti, e che hanno una storia da raccontarmi. E sì, la fragilità non è un difetto ma qualcosa che ci rende semplicemente umani.

VIVIANA: Credo che alcuni uomini lo siano, proprio come le donne, ma la società impone di non mostrarlo. Non li vogliamo fragili, ma umani. Anche loro possono avere dubbi o incertezze, è del tutto normale.

 

Il rapporto con i tuoi lettori. Cosa ti piace di loro e cosa invece ti terrorizza.

LUCREZIA: Adoro il contatto diretto, mi piace parlare con loro e instaurare anche un rapporto di amicizia. Quando si parla di libri sembra di conoscersi da sempre ed è una piacevole sensazione. La cosa che mi terrorizza è la schiettezza nel dire le cose, soprattutto se il libro non è piaciuto.

VIVIANA: Mi piace tantissimo confrontarmi con loro, discutere su quale scena ha più appassionato e quale invece ha convinto meno; il loro giudizio è fondamentale. Mi terrorizza non riuscire a trasmettere emozioni. Ovviamente per me sarebbe un totale fallimento.

 

Se tu potessi usciresti a cena con e perché: Christian Grey, Mr Darcy, Robert Langdon?

LUCREZIA: Anche se non sono molto romantica direi Mr Darcy tutta la vita… tanto abbiamo detto cena, no?

VIVIANA: Sono indecisa tra Langdon e Mr Darcy, entrambi mi piacciono molto. Rispondo Robert Langdon solo perché mi ha attirata fin dalle prime pagine per la sua intelligenza e la sua arguzia.

 

Leggi un passo del tuo romanzo secondo te convincente per pubblicizzare al meglio il tuo romanzo.

LUCREZIA: “Tutti hanno paura, ma esistono dei piccoli trucchi per vincerla e uno di questi è occuparsi di qualcosa che ti renda felice”.

VIVIANA: “Ti dico solo: vivi la tua vita con gioia, prenditi tutto ciò che essa avrà da offrirti. E ridi. Ridi spesso, ridi fino a farti venire il mal di pancia, ridi fino alle lacrime, ridi fino a non poterne più. Solo così avrai la certezza di non aver sprecato neppure un giorno“.

 

La tua perla di saggezza per i lettori del blog LIBER.

LUCREZIA: Pensieri positivi attirano cose positive. Se tu ci credi, se ci metti il cuore, se ti impegni quel sogno riuscirai a raggiungerlo… magari non subito, ma sarà maggiore la soddisfazione quando lo toccherai.

VIVIANA: Quello che è scritto sulla mia biografia: libri e animali sono i doni più belli che Dio potesse fare all’uomo.

Ringrazio di cuore Lucrezia Scali e Viviana Leo, per aver accettato di sottoporsi alle mie domande e a voi lettori di Libreriamo vi allego i link delle interviste radiofoniche (1 e 2) a queste due splendide e sensibili autrici

 

 

E io vi do appuntamento alla prossima settimana e vi saluto con questa massima

Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso. Daniel Pennac.

 

Marianna De Pilla

© Riproduzione Riservata
Tags

Marianna De Pilla

Nata nella splendida cornice del Gargano, avvocato, speaker di Civico93.it, famosa webradio pugliese, appassionata di fotografia, ma soprattutto accanita lettrice. Su www.civico93.it conduce, fra l’altro, un programma, LIBER, che si occupa di cultura, libri e soprattutto di interviste agli autori italiani. Questo blog nasce dall’idea di creare un connubio fra radio e blog, e di sottrarvi, attraverso le parole profuse dagli scrittori, alle vostre schiavitù quotidiane. Perché leggere è libertà, esattamente come amare e sognare (cit.D.P.)

Utenti online